Home Notizie e Commenti Tecnici Flaminia TRICO - ne parliamo molto noi "flaministi"
TRICO - ne parliamo molto noi "flaministi" PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
Lunedì 18 Luglio 2011 07:59

Noi flaministi parliamo spesso di TRICO.... perchè? che cos'è?

La Flaminia, in tutte le sue versioni, adotta un sistema di pulizia del parabrezza abbastanza esclusivo per l'epoca e

di marca TRICO appunto. Niente di sbalorditivo, ma si da il caso che spesso questo sistema diventi un piccolo-grande

problema poichè il circuito parte da un contenitore in vetro del liquido lavavetro. Nella foto che segue il contenitore

di cui trattasi si nota in alto, al centro dell'immagine; si tratta del vano motore di una Flaminia GT 2.5.

 

 vano_motore_gtc

 

Capita spesso all'acquirente di una Flaminia, magari in condizioni non ottimali o semplicemente da restauro, di non

ritrovare tale contenitore sotto il cofano e spesso neanche il cestello metallico che lo contiene e lo fissa.

Questo poichè probabilmente questi veri e propri vasi di vetro, simili a quelli che usavano le ns. nonne per

confezionare e conservare la frutta sciroppata fatta in casa, si rompevano e spesso venivano sostituiti

con contenitori più facilmente reperibili al momento, come il classico sacchetto di plastica di auto più recenti o

contenitori simili in plastica, forse altrettanto funzionali, ma non originali.

Si nota una di queste soluzioni nella foto che segue; nel vano motore di questa GTL in basso a dx, invece del vaso

di vetro troviamo un contenitore di plastica ben diverso.

 644645

 

In questi casi, l'appassionato che vuole riportare le condizioni a quelle originali,  si trova nella necessità di una difficile

ricerca, quasi inutile nei mercatini, più efficace tra amici e conoscenti lungimiranti che magari ne hanno recuperato uno

da un auto rottamata. Spesso si finisce col rivolgersi ai ricambisti che trattano auto inglesi, in particolare Jaguar, poichè

alcuni modelli di questa marca adottavano un sistema simile.

Premesso quanto sopra, penso sia interessante richiamare un pò di storia di questo marchio, TRICO appunto, perchè

particolare e curiosa come tutte le storie del passato viste con gli occhi di oggi.

Vale innanzitutto dire che oggi la Trico Products è ancora leader mondiale nella produzione per componenti del sistema

lavavetro, comprese le semplici spazzole. TRICO sta per Tri-Continental Corporation.

m 003

 

La storia di questo marchio nasce nel 1917 negli Stati Uniti d'America. Narrasi che su una strada di Buffalo, N.Y., in

una notte molto piovosa e quindi con visibilità molto scarsa, vi fu un incidente tra una Roadster ed una bicicletta.

Anche se il ciclista non ebbe conseguenze mortali e si ferì solamente, l'avvenimento fu ripreso da tutti i giornali fino

ad avere una risonanza mondiale. Alla guida della vettura investitrice, a causa della scarsa visibilità, vi era un

imprenditore, tale sig. J.R. Oishei, proprietario di un teatro nella stessa Buffalo.

Oishei rimase talmente impressionato dall'incidente da giurare a se stesso che fatti simili non avrebbero dovuto più

accadere e per questo che avrebbe dovuto studiare un sistema per migliorare la capacità dei guidatori di vedere

bene anche quando piove. Così la Oishei Company fondò la Tri-Continental Corporation ed introdusse il primo

sistema tergi-parabrezza a spazzole, come lo conosciamo ora, che equipaggiò da allora molte delle automobili

contemporanee.

Ormai famosa per i suoi sistemi pneumatici di pulizia del parabrezza, la TRICO fu coinvolta nel 1919 in una disputa con

un certo William M. Folberth il quale, assieme al fratello Fred, aveva inventato un sistema motorizzato di pulizia

del parabrezza già nel 1919.

Nel 1922 la disputa si concluse con l'acquisizione del brevetto Folberth da parte della TRICO la quale, come

Trico Folberth Ltd., nel 1928, si permise di aprire un nuovo stabilimento nel Regno Unito.

Oggi TRICO è quasi una multinazionale, ma con una storia che parte dai primi anni del '900 e che si può in parte

sfiorare nei dettagli delle ns. storiche come le Flaminia appunto, come testimonia il cestello porta contenitore del liquido

tergivetro che appare nella foto seguente. Insomma anche questa è storia dell'Automobile.

m 002

 

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Luglio 2011 16:02